ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Leggero, stabile, essenziale: Q36.5 rivoluziona lo zaino da ciclismo

4 mesi fa •  2 minuti di lettura
Studiato per l'Adventure, l'accessorio del brand altoatesino è adatto anche per gli spostamenti urbani. Promette minimo ingombro, massima protezione dagli agenti atmosferici e piena libertà di movimento durante la pedalata

Ogni viaggio in bicicletta, breve o infinito che sia, ha le sue emozioni, le sue esigenze, i suoi accessori. Oggi l’evoluzione tecnica e tecnologica permette a ciclisti e cicloturisti di pedalare leggeri ed evitare autentiche sfacchinate.

Se nel bikepacking, sintesi di mountain biking e viaggio, si punta a muoversi più leggeri distribuendo ed equilibrando i pesi sulla bici senza compromettere la maneggevolezza, il ciclismo adventure può contare su una continua ricerca delle aziende che puntano a fornire zaini comodi, leggeri e poco ingombranti.

Parliamo di quel ciclismo che predilige l’avventura e la scoperta del territorio, una formula nata negli Stati Uniti con i Trail e le Divide, che ha trovato negli scenari naturali unici dell’Italia un humus ideale. Sia negli eventi più lunghi, come l’Italia Trail o il Tuscany Trail, sia in quelli di una singola giornata come la Martesana Van Vlaandeeren, uno zaino poco ingombrante, leggero e ben protetto garantisce a chi pedala tutt’altra comodità.

Una novità interessante nel settore arriva dall’Alto Adige, dove Q36.5 ha sviluppato e realizzato un nuovo prodotto che si annuncia preciso, stabile e leggero.

INGOMBRO MINIMO E PIENA LIBERTÀ DI MOVIMENTO DURANTE LA PEDALATA

Se siete ciclisti e la parola “zaino” vi evoca ricordi ballonzolanti, oscillanti e scomodi, tranquilli: è tutto normale.

Perché chiunque abbia pedalato con uno zaino vecchio-stampo in spalla, allenando la propria pazienza fino al livello santità, ricorderà benissimo come in passato quest’accessorio tendesse a pendere da una parte o dall’altra e creare più di un problema durante la pedalata.

Lo Zaino Ciclismo Adventure di Q36.5 si presenta come un accessorio essenziale per le esplorazioni in bici, dal minimo ingombro e massima protezione dagli agenti atmosferici.

Il nuovo arrivato di Q36.5 si compatta facilmente, è concepito come un’estensione del corpo e dell’equipaggiamento e non crea alcun disturbo durante la pedalata. Malgrado l’ingombro minimo, il carico raggiunge la significativa capacità di 10 litri.

TESSUTO RESISTENTE E IMPERMEABILE, INSERTI RIFLETTENTI PER LA MASSIMA SICUREZZA

Se Adventure di Q36.5 può presentarsi come apripista di una nuova generazione di zaini, lo deve alla sua struttura ma anche a un attento e capillare studio dei materiali.

È realizzato, infatti, con un tessuto resistente e impermeabile ad alta visibilità, con inserti riflettenti per incrementare la sicurezza sulle strade. La casa altoatesina collabora con partner italiani d’eccellenza nel campo del tessile al fine di sviluppare i tessuti per il ciclismo più efficienti al mondo.

UNO ZAINO ADVENTURE CHE FA “GOLA” ANCHE AI CICLISTI URBANI

La caratteristica unica dello zaino Adventure è rappresentata dagli spallacci piatti ed elastici, praticamente due bretelle, ideali per seguire le linee del corpo e non causare fastidiosi sfregamenti: una soluzione leggera e traspirante per un fit senza frizioni.

E se non siete habitué del ciclismo adventure, niente paura: l’accessorio di Q36.5 può essere utile anche negli spostamenti urbani, potendo contenere tutto l’essenziale, compreso un computer portatile e, nelle tasche aperte interne, uno smartphone e una batterybank.

Cosa ne pensate del nuovo zaino di Q36.5? Quali sono per voi le principali caratteristiche che uno zaino deve o non deve avere?

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!