ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Da Opicina a Trieste, fra vecchia ferrovia e paesaggi mozzafiato sul golfo

9 mesi fa •  2 minuti di lettura
Un tracciato misto di 28,5 km e di media difficoltà fra sterrati, asfalto e una pista ciclabile lungo la quale si trovano ancora oggi caselli e stazioni della Pola-Divaccia

La bicicletta: c’è chi la porta in centro e chi preferisce raggiungere punti panoramici, per godere di viste mozzafiato.

Fra Opicina e Trieste c’è un itinerario cicloturistico che fonde entrambe le esigenze, passando dagli impegnativi sterrati alla pista ciclopedonale.

Tra i dolci e verdeggianti rilievi dei monti Cocusso e Stena e le tavolozze fiorite della Val Rosandra, gialla in primavera e rosa/violetto in autunno, il percorso conduce verso la scenografica Piazza Unità d’Italia a Trieste, elegante salotto della città.

DALLO STERRATO ALLA CICLABILE, UN TRACCIATO MISTO DI MEDIA DIFFICOLTÀ

Il percorso ciclabile Opicina-Trieste parte e arriva al capolinea del tram delle due località.

La lunghezza è di 28,5 chilometri, per un dislivello di 331 metri, mentre il “tetto” di questo tracciato di media difficoltà si trova a quota 427 metri.

È un itinerario misto, che si chiude con una discesa facile verso Trieste: oltre gli 11,5 km di pista ciclabile, ce ne sono 14 di sterrato e 2,5 in asfalto.

Si percorre agevolmente in tre ore, salvo soste qua e là lungo la pedalata. Le caratteristiche del terreno carsico, duro e pietroso, fanno sì che l’itinerario sia percorribile esclusivamente in mountain bike e consigliato soprattutto a ciclisti dotati di un minimo di esperienza, capaci di risolvere eventuali forature autonomamente.

IN BICI ALL’OBELISCO E SUL MONTE STENA CON PANORAMI MOZZAFIATO

La prima parte del percorso, dal capolinea del tram a Opicina fino a poco oltre la ex cava Faccanoni, ricalca l’itinerario Opicina-Trebiciano-Opicina.

Da qui, su strada asfaltata si arriva all’Obelisco, un punto panoramico per ammirare Trieste adagiata sul mare.

Le vedute sulla città e sul golfo restano mozzafiato anche lungo la stradina che s’imbocca all’altezza dell’ex albergo Obelisco, attualmente abbandonato.

Si transita nei pressi della Grotta Nera, del bosco Bazzoni e della Foiba di Basovizza fino ad arrivare sulla vetta del monte Stena, splendido punto panoramico sulla Val Rosandra e sul capoluogo friulano.

LA CICLABILE “GIORDANO COTTUR” VERSO TRIESTE, TRA LE MERAVIGLIE DELLA VAL ROSANDRA

Il tracciato alterna tratti sterrati molto semplici e scorrevoli ad altri sconnessi e sassosi.

Dalla cima dello Stena prende il via la discesa che porta prima all’abitato di Draga Santa Elia, dove si trova una fontanella, e poi scendendo per la panoramica pista ciclabile Giordano Cottur fino a Trieste.

Si snoda su parte del tracciato della ferrovia che dal 1887 al 1959 collegava la stazione di Trieste/Campo Marzio con quella di Erpelle, lungo la ferrovia istriana Pola-Divaccia.

Il tratto, che attraversa l’area protetta del Parco Naturale della Val Rosandra, è quello compreso tra il confine italo-sloveno poco oltre l’ex Stazione di Sant’Elia e la diramazione dalla ferrovia Transalpina per Gorizia e Piedicolle nel rione di San Giacomo a Trieste.

L’ANTICA FERROVIA E LA SUA STORIA: PEDALANDO FRA VECCHI CASELLI E STAZIONI IN DISUSO

Ancora oggi l’antica storia della ferrovia riecheggia nei nove caselli – spesso destinati ad uso privato – e nelle due stazioni ferroviarie tra le quali spicca quella di Sant’Antonio in Bosco – Moccò.

Il tracciato ha mantenuto le cinque gallerie, i viadotti e parte dei ponti, che ne fanno un prezioso reperto di archeologia industriale. Il tratto che porta da Draga Sant’Elia ad Altura è sterrato; quello successivo, da Altura a San Giacomo, è asfaltato.

Per questioni di sicurezza, il percorso destinato ai ciclisti è distinto da quello pedonale. Dall’arrivo della ciclopedonale, si arriva in città lungo pendenze favorevoli.

Siete pronti a cimentarvi in MTB con gli sterrati e la roccia carsica della Opicina-Trieste o preferite muovervi lungo la pista ciclopedonale, per rivivere le suggestioni della vecchia ferrovia? Ditecelo nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!