ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Interesse, sicurezza, fruibilità: tre linee guida per una ciclovia di successo

1 mese fa •  2 minuti di lettura
Dal report “Italia in bici: scenari, protagonisti e indotto” arriva una fotografia ideale del percorso che possa rispondere alle esigenze di ciclisti e turisti su due ruote

Se il popolo dei cicloturisti e dei ciclisti è ampio ed eterogeneo, è possibile individuare criteri assoluti per una ciclovia di successo? È uno degli interrogativi che impegnano gli “addetti ai lavori”, impegnati a sintetizzare quali sono i bisogni degli utenti e come soddisfarli.

Una risposta interessante arriva dal report di “Italia in bici: scenari, protagonisti e indotto” di Repower e Università IULM. Nel capitolo 2 infatti si traccia un quadro dell’identikit e dei bisogni degli amanti delle due ruote.

Considerate le necessità differenti fra ciclisti e cicloturisti, come il livello di capacità e lo scopo del viaggio, è possibile comunque tracciare alcune linee comuni per una ciclovia di successo: interesse del percorso, sicurezza, fruibilità.

L’INTERESSE DEL PERCORSO: ATTRATTIVE AMBIENTALI, CULTURALI E ARTISTICHE

Tema particolarmente caro ai ciclisti ricreativi e ai cicloturisti è quello dell’interesse del percorso: i tracciati delle ciclovie devono essere piacevoli e variegati, con attrattive che sappiano suscitare l’interesse di chi pedala. 

Ad esempio, pedalare per molti chilometri in zone di campagna coltivata, senza mai attraversare e visitare, un paese, può risultare monotono e al contempo valorizzare poco il territorio: perciò una buona ciclovia dovrebbe regalare ai fruitori un’esperienza al di là della pedalata, includendo nel tracciato attrattive ambientali, culturali o artistiche.

LA SICUREZZA, DENOMINATORE COMUNE: TRAFFICO, SEGNALETICA, MANUTENZIONE

Una ciclovia non può essere di successo se non garantisce sicurezza a chi la percorre. È un’esigenza fondamentale che accomuna turisti e ciclisti urbani. Per evitare che i potenziali cicloturisti snobbino i grandi centri cittadini, è importante pianificare i punti di congiunzione col traffico e garantire una segnaletica chiara.

La sicurezza dei ciclisti passa anche attraverso la manutenzione delle infrastrutture e la pulizia stradale, che potrebbero altrimenti essere fonte di disagi, soprattutto per i meno esperti.

LA FRUIBILITÀ: PARCHEGGI SICURI, INTERMODALITÀ, ZONE DI RICARICA PER LE E-BIKE

La macroarea più ampia è quella della fruibilità, che tocca diversi aspetti. Tracciando una ciclovia bisogna tener conto di un certo “level of service”, dal parcheggio sicuro fino all’assistenza tecnica, senza dimenticare l’intermodalità.

I bisogni essenziali dei turisti devono avere la priorità. Fra questi, fuori dalle aree urbane, non vanno dimenticati né i punti di sosta e ristoro, né la possibilità di ricarica per le e-bikeassistita. Oggi che le e-bike stanno conquistando ampie fette di mercato, è impensabile non prevedere lungo il percorso dei punti in cui i ciclisti possano ricaricare le loro e-bike e al contempo godersi del meritato riposo.

E tu, che ciclista sei e quali sono le caratteristiche deve avere la “tua” ciclovia di successo?

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!