ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

La ferrovia dismessa Capranica-Civitavecchia è un’avventura a ostacoli

2 settimane fa •  2 minuti di lettura
Per gli amanti degli itinerari difficili fra stazioni abbandonate, gallerie oscure e single track profumati di anice e origano, un'esperienza di 52 km da affrontare rigorosamente su MTB

Nel suo passato c’è la monotona quotidianità di una coppia: le rotaie della ferrovia inaugurata nel 1929 e dismessa già da qualche decennio. Nel futuro, o forse solo nei sogni, c’è una riqualificazione e un ruolo di primo piano nel panorama cicloturistico fra Tuscia e Lazio.

Il presente dell’ex tratta ferroviaria da Capranica a Civitavecchia, parte della più lunga via di comunicazione che partiva da Orte e collegava le acciaierie di Terni al mare, è oggi difficile terreno di “conquista” per gli amanti delle avventure in mountain bike.

Avventure estreme, a leggere le descrizioni di chi si è avventurato fra natura selvaggia, tunnel bui e muretti da scavalcare. Ecco cosa vi aspetta se deciderete di regalarvi una giornata da Indiana Jones del pedale.

LE DIFFICOLTÀ DEL TRACCIATO FRA NATURA SELVAGGIA E ANIMALI ALLO STATO BRADO

Il percorso sull’ex ferrovia Capranica-Civitavecchia misura poco più di 52 km, ha un fondo in sterrato, sentieri e minima parte asfalto, un dislivello positivo di 220 metri e negativo di 575. Per coprirlo interamente si impiegano fra le quattro e le sei ore: si pedala soprattutto in discesa, ma non mancano strappi in salita.

Le tempistiche di percorrenza dipendono, chiaramente, dal livello di allenamento dei ciclisti e dalla loro familiarità con terra, ghiaia, rocce, fango e pozzanghere. Sul percorso può capitare, infatti, di attraversare tratti fangosi o allagati, ma anche salite o discese invase da rovi di mori, alte piante spinose o liane, ma anche muretti di uno-due metri che suggeriscono di scavalcare e passare la bici a mano.

Attenzione agli animali, soprattutto nei tunnel di lunghezza variabile fra i 200 metri e il chilometro, riparo per bovini che ne dispongono secondo natura senza curarsi di chi farà loro “visita” in bicicletta. Gli ultimi 5 km, in discesa su asfalto verso Civitavecchia, sono un meritato premio.

IL PAESAGGIO: L’AVANZARE DELLA NATURA FRA LE INFRASTRUTTURE DISMESSE

Il paesaggio che incornicia questa avventura in MTB è un continuo contrasto fra le infrastrutture costruite e poi abbandonate dall’uomo e l’avanzare della natura, nel tentativo di riprendersi i suoi spazi, che profumano di finocchio selvatico, anice e origano.

È tutto un alternarsi fra strade larghe e percorsi resi minimi dalle piante, ponti e stazioni dismesse, fianchi di roccia, verdi colline, gallerie arabescate da spettacolari ragnatele lungo le pareti. Qua e là fanno capolino bovini, cavalli e asini, ma anche lucertole, tartarughe e rane.

L’EQUIPAGGIAMENTO: MTB, RICAMBI, ABBIGLIAMENTO ADATTO E TORCE PER LE GALLERIE

Per un’avventura non convenzionale (e non proprio per tutti) come il percorso sulla Capranica-Civitavecchia è consigliato un equipaggiamento adeguato, a partire da un bicicletta adatta a percorsi in sterrato, verosimilmente una MTB, camere d’aria e ricambi per ogni eventualità.

Importante portare con sé alimenti e acqua in abbondanza, non essendo presenti fonti lungo il percorso; abbigliamento adatto a “fuori programma acquosi” o fangosi ma anche all’eventuale impatto con i rovi; scarpe a suola resistenti; torce e luci potenti per illuminare le gallerie.

Qual è stata la scoperta in bicicletta più avventura nella quale vi siete lanciati? Condividetela nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!