ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Il viaggio di Ciclozenith verso Capo Nord nel segno della bici e della pace

4 settimane fa •  2 minuti di lettura
Il gruppo “enogastrocicloculturale” emiliano ha intrapreso un viaggio di seimila chilometri che tocca i campi di concentramento di Mauthausen e Terezin, il monumento a Jan Palach a Praga e il memoriale della Shoah a Berlino

L’amore per la bicicletta, l’interesse per la storia e cultura, l’attenzione all’attualità, il “debole” per le eccellenze vinicole e le tradizioni gastronomiche dei luoghi visitati. C’è tutto questo nei viaggi del gruppo Ciclozenith, associazione che dal 1991 organizza pedalate a tema in tutta Europa.

Filo conduttore dell’attività del gruppo, che si definisce “enogastrocicloculturale” è la passione per la bicicletta, mezzo itinerante, pulito e soprattutto aggregante. Scopo degli associati è quello di diffondere il verbo della mobilità sostenibile per far sì che la bicicletta diventi il mezzo principale per vivere la città e il tempo libero.

L’ultima trovata di 32 cicloturisti emiliani è un viaggio da Bologna a Capo Nord, per portare un messaggio di pace e di unione sulla base dei valori comunitari europei. Partiti da Piazza Maggiore a Bologna lo scorso 21 maggio, hanno programmato l’arrivo a destinazione il prossimo 21 luglio.

QUASI SEIMILA CHILOMETRI IN 61 TAPPE PER IL PUNTO ESTREMO DELL’EUROPA

Nato in seno alla parrocchia di San Bartolomeo della Beverara, nel quartiere Navile, e parte della Consulta della Bicicletta del Comune di Bologna, i cicloamatori hanno deciso di affrontare 61 tappe per quasi seimila chilometri. Un viaggio rinviato più volte a causa della pandemia, cui è stata data una connotazione speciale, legata all’attualità.

Il plotoncino di Ciclozenith porta in sella un messaggio di pace e di integrazione, toccando tappe come i campi di concentramento a Mauthausen e Terezin, il monumento a Jan Palach a Praga, la Frauenkirche a Dresda, il memoriale della Shoah e i resti del muro a Berlino.

Il racconto fotografico del viaggio, patrocinato da Comune e Città Metropolitana di Bologna, Regione Emilia-Romagna e Arcivescovado di Bologna e supportato da “Cibò. So good!”, è aggiornato quotidianamente sulla pagina Facebook di Ciclozenith.

DA ISTANBUL A SANTIAGO DI COMPOSTELA, TRENT’ANNI DI VIAGGI IN BICI A TEMA

Dopo Berlino, la carovana gialla ha attraversato i borghi della Pomerania e l’antico porto commerciale di Lubecca, toccato il castello di Schackenborg e salutato i “giganti del mare” a Esbjerg in Danimarca, facendo anche pendant con inattese ginestre in fiore sul mare del Nord.

Non è la prima volta che il gruppo “enogastrocicloculturale” di cicloturisti bolognesi si lancia in questo tipo di sfide a tema, sia lungo le regioni italiane sia sulle strade estere. 

Hanno pedalato da Bologna a Istanbul in un ideale legame tra San Luca e Santa Sofia, nelle aree terremotate dell’Umbria per dare uno stimolo alla ripresa post-sisma, nei territori della Grande Guerra nell’anno del centenario, a Roma in occasione del Giubileo e verso est fino a Santiago de Compostela. 

Qual è stato il vostro viaggio in bici intrapreso con motivazioni “speciali”? 

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!