ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Vette, valli e malghe: 5 percorsi per MTB a San Martino di Castrozza

9 mesi fa •  3 minuti di lettura
Nel parco naturale Paneveggio Pale di San Martino l'offerta incontra sia le esigenze delle famiglie con bambini sia quelle dei biker più esperti e allenati. Spettacolari i panorami da Baita Segantini e dalla Forcella Valsorda

È amato da sciatori ed escursionisti, habitué dello snowboard e dell’arrampicata. Ma visto (e girato) dalla sella di una mountain bike, muscolare o elettrica, il parco naturale Paneveggio Pale di San Martino ha davvero un sapore unico.

Sono cinque gli itinerari tracciati per gli amanti della bicicletta e del cicloturismo, che a San Martino di Castrozza e dintorni possono fare un continuo tuffo nella bellezza, fra le affascinanti e imponenti cime delle Pale di San Martino (patrimonio UNESCO) e la magia di una natura selvaggia, salvaguardata dall’ente parco. Pedaliamoli assieme.

MONTAGNA D’AUTORE: VAL VENEGIA-BAITA SEGANTINI (16,1 km, media difficoltà)

Il primo dei cinque percorsi cicloturistici proposti dall’APT San Martino di Castrozza, Passo Rolle, Primiero e Vanoi è un tour mozzafiato ai piedi delle Pale di San Martino, nel cuore del parco.

Di poco superiore ai 16 km, il tracciato ad anello presenta un dislivello di 592 metri ed è di media difficoltà. Si sviluppa per gran parte su strada sterrata lungo una delle valli più caratteristiche della zona, la Val Venegia, per raggiungere Baita Segantini, una delle località più note di tutte le Dolomiti.

Il perché lo racconta il panorama offerto da questo “balcone” a 2.200 metri di quota, dal quale si ammirano in tutta la loro imponenza le pareti verticali delle Pale di San Martino.

Lungo la pedalabile salita (l’anello è adatto a famiglie e bambini), ci si può ristorare lungo le malghe Venegia, Venegiotta, Baita Segantini e Capanna Cervino.

VALSORDA ENDURO TRAIL – VAL ZORTEI (14,9 km, difficile)

Facilmente raggiungibile con mezzi pubblici e con impianti di risalita e discesa, Valsorda Enduro Trail – Val Zortei è un itinerario in pieno stile enduro vario e divertente, che richiede un buon allenamento. 

Misura 14,9 km, con 515 metri di dislivello positivo e 1627 dislivello in discesa, e si completa in circa due ore.

Il percorso è destinato alle E-MTB, e il consiglio è quello di gestire al meglio la carica, in vista dell’ascesa finale alla forcella Valsorda, sulla quale il fondo irregolare non sempre permette la pedalata.

Spettacolare il panorama da lassù: va dalle Pale di San Martino al Cima D’Asta alla catena del Lagorai, le vallate dalla natura incontaminata.

ANELLO FAMILY GREEN WAY PRIMIERO (19,7 km, facile)

Già dal nome, l’anello che va alla scoperta di borghi e tradizioni, nella Vallata di Primiero, ammicca ai gruppi familiari con bimbi al seguito.

Lungo poco meno di 20 km, ha un dislivello di appena 270 metri e si percorre in due ore e mezza, salvo comprensibili indugi lungo la via. I panorami mozzafiato sulle Pale di San Martino e sulle Vette Feltrine (entrambe patrimonio UNESCO dal 2009), e gli innumerevoli spunti storici e artistici lungo il tracciato “rischiano” di farci raddoppiare le tempistiche.

Dimore nobiliari come Palazzo Scopoli, Palazzo Del Dazio e la Chiesa Arcipetrale dominano nei centri storici, affiancati da opere ed esposizioni come Cataste & Canzéi, Sentarte, sculture lignee, affreschi e fontane.

Interamente tabellato, il percorso può essere effettuato in entrambi i sensi di marcia, partendo dalle stazioni bike sharing di Imer, Fiera di Primiero e Siror.

PERCORSO CICLOPEDONALE PRIMIERO (18,1 km, media)

Salita praticamente costante fra Imer e San Martino di Castrozza, lungo questo percorso ciclopedonale di 18,1 km che si copre in circa quattro ore.

Il dislivello positivo è di 967 metri, quello negativo di 84. Il punto più suggestivo è lo spettacolare ponte su funi in acciaio lungo 58 metri, con un’altezza massima dal rio sottostante di 23 metri.

LE MUSE FEDAIE NEL PARCO PANEVEGGIO-PALE DI SAN MARTINO (4,7 km, facile)

Lo scenario è quello di Villa Welsperg, sede del parco. L’escursione è facile e indicata anche per famiglie con bambini: parliamo di 4 km e 700 metri, con 82 metri di dislivello positivo e 98 negativo.

Di interesse geologico, faunistico e botanico, il percorso si snoda per metà lungo il sentiero tematico denominato Muse Fedaie e permette anche di visitare il laghetto Welsperg, oltre alla sede del Parco con differenti percorsi tematici.

Avete già esplorato in bicicletta gli angoli più spettacolari e selvaggi del parco naturale Paneveggio-Pale di San Martino? Quali sono i punti più belli da percorrere in MTB? Ditecelo nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!