ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Porsche investe su Greyp, la bici elettrica potente e super connessa

4 mesi fa •  2 minuti di lettura
La casa di Stoccarda ha acquisito le quote di maggioranza dell'azienda croata, specializzata nella produzione di e-bike, con un sistema avanzato di apparecchiature elettroniche

La crescita e le prospettive del mercato delle e-bike a livello globale sta da tempo calamitando l’attenzione dei grandi produttori, non solo ciclistici.

Dal settore automobilistico si è esteso verso le bici a pedalata assistita anche l’interesse di Porsche, azienda tedesca sinonimo di vetture sportive ad elevate prestazioni.

La casa di Zuffenhausen ha infatti comunicato l’acquisizione delle quote di maggioranza di Greyp Bikes, brand specializzato nella produzione di bici a pedalata assistita.

Porsche Ventures, il ramo d’azienda che si occupa di investimenti e capitale di rischio, deteneva già una quota minoritaria della società dal 2018.

IL RUOLO DELLE E-BIKE NELLA STRATEGIA DI MOBILITÀ ELETTRICA DI PORSCHE

L’acquisizione da parte di Porsche delle quote di maggioranza di Greyp amplia le attività del produttore tedesco nel settore delle ebike.

Le altre porzioni dell’azienda saranno detenute da Mate Rimac e altri fondatori del marchio croato che manterranno così una quota di minoranza.

L’acquisizione delle quote di maggioranza di Greyp e le attività nel settore delle e-bike fanno parte della strategia di mobilità elettrica della casa di Porsche.

Obiettivo ambizioso: avere un bilancio neutrale in termini di CO₂ lungo l’intera catena del valore entro il 2030.

LE BICI DI GREYP: BATTERIA ESTERNA E UN EVOLUTO SISTEMA DI DEVICE ELETTRONICI

Attualmente la gamma di Greyp è articolata in tre grandi categorie – eMTB, eSUV, eHYPER – ma si parla già della nascitura eCITY, a partire dal 2023.

Fra le mountain bike a pedalata assistita, ce ne sono di due tipi: quelle con motorizzazione che non supera i 250 Watt di potenza e i 25 km/h di velocità e quelle che arrivano fino a 45 km/h, tecnicamente ciclomotori.

Fra le caratteristiche tecniche delle eMTB di Greyp, la batteria collocata in posizione esterna al telaio. Una linea insolita, quasi superata.

Il punto di forza del brand croato, però, è nel suo sistema avanzatissimo di apparecchiature elettroniche.

E-SIM INTEGRATA, UNA APP PER I DATI IN REALTIME E DUE FOTOCAMERE DIGITALI

Grazie alla collaborazione con la compagnia telefonica T-Mobile, Greyp è sempre connessa grazie alla eSim integrata che trasmette la posizione e i dati dell’uscita in tempo reale a chiunque si desideri.

La e-bike si connette anche con lo smartphone, che può essere utilizzato come display di bordo: con la App di Greyp si vedono in realtime sul cellulare i dati della bici e si può sfruttare la navigazione dell’applicazione.

Inoltre, grazie alle due fotocamere digitali, una sotto al manubrio e l’altra sotto alla sella, controllabili da remoto, è possibile immortalare qualsiasi momento dell’uscita, così come scattare e inviare selfie.

Cosa è più importante per voi nella scelta della e-bike: design e geometrie all’avanguardia o tecnologie avveniristiche?

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!