ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Il mercato cicloturistico: agenzie di viaggio online e piattaforme digitali 

6 giorni fa •  2 minuti di lettura
I nuovi modelli di business garantiscono esperienze su misura ai cicloturisti, con proposte modulate e tematiche, e opportunità di sviluppo e competitività agli stakeholder. Se ne parla nel report “Italia in bici” di Repower e Università IULM

Per i cicloturisti, vacanze più facili ed esperienze su misura. Per gli operatori, la possibilità di rivolgersi a un pubblico più ampio e aumentare la propria competitività. L’allargamento del contesto economico a una dimensione globale ha cambiato i modelli di business turistico, con la nascita di agenzie online e piattaforme digitali che gioca a favore del turismo in bicicletta.

Come spiegato nel report “Italia in bici – Scenari, protagonisti e indotto”, firmato da Repower e Università IULM, sia le online travel agencies (OTA), sia le piattaforme digitali integrano la vendita di prodotti e servizi con facility “accessorie”, che tengono conto delle abitudini e dei gusti dei consumatori – salvati attraverso i cookies – per proporre offerte innovative e personalizzate.

ESPERIENZE SU MISURA PER I CICLOTURISTI, POTENZIALE DI SVILUPPO PER GLI STAKEHOLDER

È una vera win-win situation per il cicloturismo. Da un lato, infatti, i viaggiatori a pedali possono prenotare le proprie vacanze con più facilità, scegliendo esperienze su misura e complete di tutti i servizi di cui possano aver bisogno.

Dall’altro lato, gli operatori della filiera possono sfruttare un nuovo canale e rivolgersi ad un bacino d’utenza più ampio. Chi sarà in grado di cavalcare l’onda dell’innovazione tecnologica, fruirà di numerosi vantaggi lungo tutta la value chain, aumentando notevolmente la propria competitività.

PROPOSTE MODULATE PER GRADI DI DIFFICOLTÀ E TIPO DI PERCORSO

Dalla varietà e la moltitudine di piattaforme e operatori online, si capisce quanto il settore sia interessante e con molteplici possibilità di specializzazione. Da un’analisi di diversi portali, comunque, emergono alcune caratteristiche comuni, che costituiscono il punto di partenza per la creazione di una soluzione digitale.

Prima fra tutte è la differenziazione delle offerte per gradi di difficoltà e per tipologie di percorso. Dai più semplici che attraversano percorsi in pianura, adatti anche alle famiglie, fino ai più difficili, per esperti corridori o amanti delle pendenze tipicamente montane.

LE OFFERTE TEMATICHE, I SERVIZI ACCESSORI E LE COMMUNITY

Essenziale è anche la proposta di offerte tematiche, che collegano la vacanza in bici all’identità del territorio. Al top, in tal senso, ci sono sono la cultura e l’enogastronomia. La cultura e il food&wine sono le soluzioni più frequenti, ma la differenziazione riguarda anche la possibilità di praticare sport diversi dal ciclismo, come ad esempio il trekking e il walking.

Tutti i portali offrono inoltre servizi accessori che completano l’offerta, come ad esempio il transfer o la fornitura di equipaggiamento. Quanto al noleggio con soluzioni differenziate, dalle urban bikes alle biciclette per il gravel, passando per le e-bike.

Ultimo elemento rilevante dei principali portali è l’aspetto sociale, con la creazione di community di appassionati, che possono scambiarsi pareri e recensioni e organizzare tour di gruppo.

Cultura, food&wine, multidisciplina: quale offerta tematica scegliete di solito per i vostri viaggi cicloturistici?

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!