ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

La sosta ideale del biker nell’Altopiano di Asiago: ecco Locanda Stella

2 settimane fa •  2 minuti di lettura
Struttura a gestione familiare, la locanda è il luogo ideale per rilassarsi in un ambiente caldo e accogliente, gustando piatti di qualità a pochi passi da Asiago e dalla natura dell'altopiano prima di ripartire in sella alle due ruote

A pochi chilometri da Vicenza e da Schio e in una posizione altamente strategica per raggiungere comodamente sia la montagna che la città, Locanda Stella è la tipica struttura a conduzione familiare che riesce a far sentire a casa gli ospiti, coccolati con il cibo locale dell’altopiano e con deliziose birre artigianali.

Non solo. La locanda, che si trova esattamente a Camporovere di Roana, è perfetta per tutti coloro che desiderano fare una sosta durante o al termine di ciaspolate ed escursioni con sci di alpinismo d’inverno o passeggiate e uscite in bici d’estate, avvolti da una calda atmosfera data non solo dalle cinque camere impreziosite da mobili e porte dipinti a mano ma anche dall’offerta gastronomica.

La cucina, attenta alla qualità delle materie prime e che predilige ingredienti locali, a km 0 e di stagione, si basa sulle ricette tradizionali tipiche tramandate da nonna Angelina e reinterpretate da Andrea – il nipote – per creare un mix unico e sorprendente di sapori antichi, ingredienti selezionati e idee moderne. 

Abbiamo rivolto alcune domande al Sig. Francesco Bonomo, titolare della locanda insieme alla famiglia, per scoprire più nel dettaglio l’apporto del cicloturismo in questo territorio.

Cosa rende la tua struttura una meta ideale per un cicloturista?

La nostra locanda si trova nell’Altopiano di Asiago – o anche detto dei Sette Comuni -, per l’esattezza sulla SP349. La conformazione relativamente pianeggiante del massiccio lo rende particolarmente facile da fruire ed esplorare, alla ricerca di suggestivi panorami o percorsi. Intorno a noi, infatti, ci sono circa 500 km di percorsi Mountain bike utilizzabili dalla primavera all’autunno.

Cosa non può mai mancare in una struttura che voglia definirsi Bikefriendly?

È importante fare rete, anche con strutture in comuni limitrofi, per assicurarsi che il biker possa ricevere tutti i servizi necessari. Oltre ad avere in loco la rastrelliera DINA che permette di ricaricare le e-bike, ci appoggiamo a negozi ad Asiago e a Canove che noleggiano bici muscolari ed elettriche e che offrono riparazioni e ricambi per le due ruote.

Quali sono i principali canali attraverso i quali siete trovati dai vostri visitatori? 

Sicuramente il nostro sito web e i portali di prenotazione alloggi. In particolare, dal nostro sito web si possono sia prenotare le camere per soggiornare, sia un tavolo per il pranzo o la cena.

Komoot rappresenta un canale privilegiato per rivolgersi agli appassionati degli sport outdoor: poter omaggiare mappe viceversa a pagamento è un benefit apprezzato dai suoi clienti?

Stiamo ancora scoprendo tutte le potenzialità dell’ingresso in DINAclub, ma non c’è dubbio che komoot rappresenti una piattaforma di riferimento per chi ama vivere all’area aperta, e la possibilità di offrire mappe altrimenti a pagamento è di certo un plus che gli appassionati non trascurano.

Che tipo di visitatore è il cicloturista? Che caratteristiche e che aspettative ha rispetto agli altri?

Il cicloturista è quel visitatore che vuole non solo fare sport ma dedicarsi al contempo alla scoperta del territorio circostante: il nostro territorio è vocato proprio a questo e recandosi sul nostro Altopiano, il cicloturista troverà il mix perfetto tra attività fisica e turismo. 

Agli occhi dei vostri clienti, quanto pesa la vostra attenzione alla sostenibilità? È un qualcosa in più o un fattore determinante nella scelta della vostra struttura?

L’approccio alla sostenibilità sta entrando sempre più nelle nostre vite ed è la direzione giusta da percorrere. Nel nostro piccolo, all’interno delle camere per gli ospiti mettiamo a disposizione bottiglie d’acqua in vetro per ridurre al minimo l’utilizzo di plastica, così come limitiamo l’uso di flaconcini per il kit bagno in favore di apposite saponette.

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!