ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Il bello e il buono della Valtellina: 5 itinerari di Destinazione Bresaola

7 mesi fa •  2 minuti di lettura
Il consorzio di tutela Bresaola della Valtellina ha disegnato dieci tracciati per cicloturisti di ogni età, alla scoperta dei paesaggi più belli e dei sapori tipici del territorio

Dieci tappe, due ruote, altrettante passioni: la bicicletta e la bresaola. È dedicato all’eccellenza valtellinese il progetto Destinazione Bresaola, tornato quest’anno per la terza edizione: il pregiato salume diventa il fil rouge di una scoperta che ondeggia fra gusto, benessere e paesaggi mozzafiato.

L’idea del consorzio di tutela Bresaola della Valtellina può contare su un’area che rappresenta un’autentica mecca del cicloturismo di qualità: tappa fissa del Giro d’Italia, la Valtellina è un festival di crotti, borghi, laghi, castelli, vigneti terrazzati e ponti sospesi nel cielo, esplorati dai dieci itinerari di Destinazione Bresaola 2023. Qui ve ne suggeriamo cinque.

ANELLO DEGLI ANDOSSI DI MADESIMO (21 km): UN INCANTEVOLE ALTOPIANO VISTA LAGO

L’itinerario si snoda per 21 km su piacevoli strade sterrate bianche ad anello sull’altopiano degli Andossi, con partenza e arrivo a Madesimo. 

Il panorama spazia lungo i magnifici scorci sulle cime della Valle Spluga (i pizzi Stella, Groppera, Emet, Suretta, Tambò, Ferrè e Quadro) e s’impreziosisce di punti caratteristici come il Buco blu, i laghi del Montesplunga e degli Andossi, il Giardino alpino Valcava.

CICLABILE DELLA VALCHIAVENNA (40 km): NEL CUORE DEI CROTTI DI TANNO

Osterie tipiche, dove gustare la cucina tipica di Chiavenna: è questa la risposta domanda “Cosa sono i crotti?”, balenata nella testa di chi non li conosce.

La ciclabile della Valchiavenna è fra gli itinerari più noti e apprezzati della zona: terzo premio agli Italian Green Road Awards 2022, è un percorso di fondovalle di 45 km che parte da Colico e arriva al confine con la Svizzera, regalando angoli di gran pregio come quelli sul lungolago di Novate Mezzola.

VERSO LA VAL TARTANO (43 km): UN PONTE NEL CIELO TRA I PIÙ ALTI D’EUROPA

Il ciclo tour verso la Val Tartano è un itinerario che, per lunghezza (43 km) e dislivello (1.200 metri) richiede un medio allenamento o suggerisce l’utilizzo una e-bike. 

Consente di ammirare una delle meraviglie della Bassa Valtellina: il mozzafiato ponte tibetano che collega Campo Tartano e Frasnino, lungo un brivido di 234 metri a 140 metri di altezza sopra il torrente Tartano.

SENTIERO VALTELLINA DA TIRANO A GROSIO (16 km), TRA INCISIONI RUPESTRI E CASTELLI

Più democratico e accessibile a tutti, dai bambini ai cicloturisti esperti, è il Sentiero Valtellina nel tratto da Tirano a Grosio, lungo circa 16 km con 200 metri di dislivello.

Regala una serie di tesori storici, culturali e paesaggistici: dal Santuario della Madonna di Tirano, tappa iniziale del tour, al Parco delle Incisioni Rupestri di Grosio, al cui interno si trovano il Castello vecchio di S. Faustino (X-XI secolo), il Castello nuovo visconteo (XIV secolo) e la Rupe magna, una delle più grandi rocce incise dell’arco alpino, tutti visitabili solo a piedi.

TOUR AI LAGHI DI CANCANO E S. GIACOMO (20 km), SPECCHI D’ACQUA TURCHESE A 1.950 METRI

I laghi di Cancano e di San Giacomo di Fraele sono due bacini artificiali situati a quasi duemila metri di altitudine nella Valle di Fraele, nel Parco Nazionale dello Stelvio, non molto lontano da Livigno e Bormio. 

Lungo l’itinerario di 20 km, per l’85 per cento sterrato, da visitare anche la chiesa di Sant’Erasmo, la cui struttura in pietra richiama la silhouette della montagna che la incornicia, e la romantica chiesa di San Giacomo.

Quale fra questi 5 itinerari di Destinazione Bresaola fa più al caso vostro? Ditecelo nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!