ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

L’Adriabike “cinge” la laguna di Marano fra Grado e Lignano Sabbiadoro

6 mesi fa •  3 minuti di lettura
Il terzo tratto de La Via della Serenissima, 83,2 km totali, tocca località di gran pregio come il sito UNESCO di Aquileia, la città-fortezza di Palmanova e la riserva naturale Foci dello Stella

Una continua contaminazione fra Alpi, pianure e mare; è questa la perfetta definizione dell’Adriabike, l’itinerario ciclistico che collega Kranjska Gora con Ravenna attraverso le località più suggestive dell’Alto Adriatico e del confine italo-sloveno.

Un percorso vario e completo di tre settimane, che unisce città d’arte come Koper (Capodistria), Trieste, Venezia, Padova, Ravenna con le multiformi espressioni della natura delle Alpi Giulie, dell’Altopiano del Carso, delle lagune e del Parco del Delta del Po. 

L’itinerario Adriabike è diviso idealmente in tre parti, ciascuna per ogni settimana di viaggio: in questo articolo vi raccontiamo la tappa di 83,2 km che abbraccia la Laguna di Marano, terzo segmento de La via della Serenissima che conduce da Koper a Venezia lungo 358,2 km.

DA GRADO A CERVIGNANO DEL FRIULI, CON LE MERAVIGLIE DI AQUILEIA E PALMANOVA

Si parte da Grado, seguendo la pista ciclabile costruita a fianco del ponte translagunare, fino a Belvedere dove il percorso si innesta nella nuova pista costruita sull’ex ferrovia Cervignano-Belvedere.

Ad Aquileia, una delle capitali di storia e arte del Friuli, si parcheggia la bici per rivivere il fascino della storia passeggiando nell’area archeologica, per visitare il museo nazionale e la basilica di Santa Maria Assunta, in un sito giustamente inserito fra le meraviglie UNESCO.

Ripresa la ciclabile, si pedala fino a Cervignano del Friuli da dove si può fare una piccola deviazione verso nord sulla ciclovia Alpe Adria per raggiungere il borgo di Strassoldo, con i suoi castelli di Sopra e di Sotto, e la città fortezza di Palmanova, capolavoro dell’architettura militare friulana con la sua forma di stella a nove punte e la piazza centrale esagonale.

DA CERVIGANO DEL FRIULI A MARANO, FRA RAZIONALISTMO ED EREDITA’ VENEZIANA

Tornati a Cervignano del Friuli pedaliamo senza difficoltà in direzione di Torviscosa, esempio urbanistico di razionalismo del periodo fascista, durante il quale si sviluppò assieme all’industria della cellulosa e del tessuto in fibra artificiale. 

Il percorso conduce nella Bassa Friulana tra rogge e canali, sfiorando l’abitato di San Giorgio di Nogaro e il paese di Carlino; si punta verso sud verso la laguna di Marano, per raggiungere presto il bel centro abitato, dove si percepisce la secolare influenza esercitata dalla Repubblica di San Marco. 

Tra canali, calli e campielli a Marano si fanno apprezzare le belle case dei pescatori, la Loggia, il Palazzo dei Provveditori e la Torre millenaria.

LA RISERVA NOCI DELLO STELLA E LE LUNGHE SPIAGGE DI LIGNANO SABBIADORO

Si prosegue ancora lungo la spettacolare gronda lagunare e si passa per Precenicco, fino a raggiungere la riserva naturale Foci dello Stella, paradiso degli amanti di birdwatching, nella quale ammirare fra le altre cose il villaggio di casoni dei pescatori, in canne e legno.

Dopo aver approfondito l’arte della pesca, con tanto di “frittolin”, alla Bilancia di Bepi, si riparte in direzione Sud verso la penisola dove sorge, tra mare e laguna, la località di Lignano Sabbiadoro, diventata dagli anni Sessanta una delle stazioni balneari più conosciute dell’Adriatico. 

DOVE RICARICARE LA VOSTRA E-BIKE CON “DINA”

Lungo questo tratto dell’Adriabike potete trovare quattro host by Repower per ricaricare la vostra e-bike e guadagnare punti DINAclub.

Tre di queste si trovano a Grado: l’Hotel Helvetia, in “Città Giardino”, con la sua cucina di qualità locale e internazionale; l’Hotel Savoy, che abbina al servizio di un grande albergo l’atmosfera intima e informale di una dimora privata; Villa Marin, che ha sposato la strada della sostenibilità e delle tradizioni regionali, rivisitate in chiave moderna.

A Muzzana del Turgnano troviamo l’azienda Reguta, 250 ettari di vigneti dove si producono vini d’eccellenza da degustare, poco distante, all’Agriturismo Là di Anselmi, assieme a piatti freddi tipici della tradizione friulana.


Quali sono i vostri luoghi preferito lungo il giro della Laguna di Marano? Ditecelo nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!