ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Da Ganna a Merckx: campioni protagonisti del Presepe del ciclismo

1 anno fa •  2 minuti di lettura
A Gavirate, in provincia di Varese, i big di ogni epoca sono stati protagonisti dell'insolita rappresentazione della Natività: ci sono anche le statuette di Baronchelli e Bugno

C’era una volta il presepe dei ciclisti, costruito da un gruppo di biker sul Vesuvio e rinato tre anni fa dopo gli incendi del 2017.

Fino allo scorso autunno, però, nessuno aveva allestito o quanto meno pubblicizzato un presepe di ciclisti, nel quale – al di là della Sacra Famiglia – coprotagonisti della narrazione sono i grandi nomi della storia di questo sport.

A riempire questa casella vuota non è stato qualche creativo maestro presepista di San Gregorio Armeno, a Napoli, dove trovano spazio soprattutto i big del grande calcio, accanto a VIP della musica, dello spettacolo e della politica, personaggi come Greta Thunberg, infermieri-eroi anti Covid e Re Magi.

Il Presepe del Ciclismo è nato a Gavirate, in quella provincia di Varese che tanto ha dato a questo sport: fra gli altri, Luigi Ganna, Alfredo Binda, Michele Mara, Wladimiro Panizza, Claudio Chiappucci, Ivan Basso e Stefano Garzelli.

Ospitata dallo spazio espositivo dell’Antichità Binda, l’iniziativa è stata firmata dalla Ciclovarese, associazione assai attenta al cicloturismo e ai giovani.

UN CENTINAIO DI STATUETTE, UNA CAPANNA DI CORONE E LA MADONNA DEL GHISALLO

In uno scenario impreziosito da componenti della bicicletta (la capanna è stata realizzata con le corone di una bicicletta), gli autori hanno collocato un centinaio di miniature di atleti.

Fra i dettagli più curiosi, la miniatura della cappella della Madonna del Ghisallo, protettrice dei ciclisti.

Osservare il presepe è come fare un viaggio nella storia del ciclismo, perché le statuette di Gavirate ritraggono veri corridori che hanno legato il proprio nome a grandi imprese.

Non poteva mancare Eddy Merckx, il corridore più vincente della storia del ciclismo, come Ercole Baldini – “il Treno di Forlì” – che fra la fine degli anni Cinquanta e l’inizio dei Sessanta firmò una medaglia d’oro olimpica, un Mondiale e un Grande Giro, oltre al record dell’ora.

C’è naturalmente il “pioniere” varesino Luigi Ganna, come ci sono Giovanbattista Baronchelli e Gianni Bugno.

LA “BENEDIZIONE” DI SARONNI E LA FILASTROCCA DI RODARI DEDICATA AI GREGARI

La realizzazione è stata curata da Paolo e Lorenzo Altieri, con il supporto di Flavio Binda e la disponibilità di Luca Nicolini, Cesare Floreani e Valeria Papa, un team gaviratese doc, che ha proposto la Natività in un contesto originale e divertente. Fede religiosa e passione sportiva.

Nel centenario della sua nascita, è stato ricordato anche Gianni Rodari: nella vetrina è stata infatti collocata la filastrocca “Il Gregario” che mette in evidenza e porta all’attenzione degli sportivi la figura dei protagonisti delle gare spesso poco celebrati.

Fra le numerose visite, particolarmente gradita è stata quella di Giuseppe Saronni, che ha apprezzato l’opera e nel dettaglio la sua statuetta con la maglia di campione del mondo di Goodwood 1982. Una vera e propria benedizione è il caso di dire.

Anche per voi il ciclismo è una… religione? Raccontatecelo nei commenti!

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!