ico/func/dark/infoCreated with Sketch.

Cargo bike: dalle aziende alle famiglie, vendite in crescita in tutta Europa

5 mesi fa •  2 minuti di lettura
In attesa dei numeri ufficiali, la European Cargo Bike Industry Survey ha effettuato un sondaggio fra 38 brand produttori: le aspettative delle aziende “prevedono” un aumento del 66 per cento

Per i trasporti aziendali, per la spesa o per “scarrozzare” i propri figli: il cargo bike guadagna sempre più consensi, proponendosi come un’ideale alternativa all’automobile in città.

In attesa dei dati ufficiali, per l’Europa e l’Italia, le attese delle case produttrici confermano questa crescita.

È quanto riportato da Cyclelogistics e raccontato dall’indagine online effettuata della European Cargo Bike Industry Survey, secondo la quale a livello europeo nell’ultimo anno il segmento dei cargo bike è cresciuto del 66 per cento.

Un settore spinto in Italia dal bonus mobilità 2020 e in tutta Europa dal boom della mobilità sostenibile dall’inizio della pandemia.

UN MEZZO DI TRASPORTO “CHIAVE” NEL CONTESTO URBANO PER AZIENDE E FAMIGLIE

Il sondaggio, che ha coinvolto 38 produttori di cargo bike, ha avuto l’obiettivo di capire le previsioni relative alla fine del 2021, in attesa di avere dati ufficiali in merito, e di comprendere meglio le dinamiche delle future vendite di questi mezzi di trasporto e il loro ruolo nel contesto urbano. Non solo per il trasporto merci.

I Paesi del Nord Europa, infatti, insegnano come i versatili e polivalenti cargo bike possano essere utili sia per il trasporto merci, sia per esigenze familiari.

Dalla spesa al trasporto dei figli, è sempre più radicata la scelta del cargo bike e del cargo bike elettrica al posto dell’automobile.

Conosci già LAMBROgio e LAMBROgino, le soluzioni Cargo di Repower? Clicca qui.

GERMANIA E BELGIO TRASCINANO IL BOOM DEI CARGO BIKE NEL VECCHIO CONTINENTE

Le previsioni delle aziende partecipanti all’indagine hanno fatto emergere le grandi aspettative attorno al mondo dei cargo bike: il +66 per cento risalta ancora di più accanto al dato del 2020, che fotografava un’ascesa del 38,4 per cento.

Le due realtà di riferimento in questo momento sembrano essere Germania e Belgio, Paesi nei quali le vendite sono superiori rispetto alle altre nazioni europee.

Un trend che segue quello relativo alla diffusione delle bici elettriche: secondo le stime, il 92 per cento delle famiglie e delle aziende di questi stati ha acquistato una e-bike nell’ultimo periodo.

L’ITALIA FRA INCENTIVI ISTITUZIONALI E CURIOSITÀ, MA NELLE PERIFERIE I “CARGO” FATICANO

E l’Italia? C’è curiosità su quali possano essere gli effetti del bonus sui cargo bike, un rimborso del 30 per cento per le spese sostenute per l’acquisto di cargo bike, muscolari o a pedalata assistita, fino a un massimo di duemila euro.

Qualcosa si muove sia a livello locale, come nel caso degli incentivi studiati dal Comune di Bologna e di recente dalla Regione Piemonte.

Cittadini e aziende stanno iniziando a “curiosare” nel mondo dei cargo bike, sempre più presenti nelle città, soprattutto in centro. Per le consegne in periferia o nelle zone montuose, con strade difficili, vengono invece prediletti i mezzi più potenti.

Trasporto merci, spesa o uscita in famiglia: per cosa avete scelto o scegliereste un cargo bike?

Commenti

Inizia la discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

      Contattaci

      Vuoi saperne di più? Vuoi entrare in DINAclub? Vuoi inviarci una segnalazione? Scrivici e ti risponderemo al più presto!